July 22nd, 2014

Le prime volte

Tra due giorni parto per una serie di prime volte.

La mia prima Africa.
Il mio primo sotto l’Equatore.
La mia prima Croce del Sud.
La mia prima notte in aereo.
I miei primi tanti aerei in pochi giorni.
Il mio primo paese con la guida a sinistra.
Il mio primo incrocio di oceani.
I miei primi pinguini.
Il mio primo viaggio in quattro.

(Sono sicura che ci siano tutta un’altra serie di prime volte,…

View On WordPress

July 19th, 2014

Memento

Memento http://wp.me/s23YtU-memento

Sono momenti speciali, quelli in cui sopravvivi a un terremoto e fai il conto delle cose che sono rimaste in piedi, per capire se sono abbastanza solide da essere fondamenta per altro, o se sono almeno abitabili, o se occorre buttare giù tutto e allontanarsi dalla zona per sempre.

Così ogni tanto mi vengono in mente delle cose, e ogni cosa mi sembra importante, quando invece magari è una…

View On WordPress

July 17th, 2014
lovequotesrus:

Everything you love is here

lovequotesrus:

Everything you love is here

manyinwonderland:

Né tanto, né a tal punto, né fino a… (Marina Cvetaeva, Le notti fiorentine; trad. Serena Vitale; Voland, ebook, 2011)

manyinwonderland:

Né tanto, né a tal punto, né fino a… (Marina Cvetaeva, Le notti fiorentine; trad. Serena Vitale; Voland, ebook, 2011)

Ero lì, pochi minuti fa, che meditavo, e a un certo punto ho avuto la tentazione di picchiare la testa contro il muro fino a spaccarmela.

Credo di avere trovato la risposta alla domanda “come stai?”.

July 16th, 2014

Forse, alla fine, non ce la farò.

Forse, alla fine, non ce la farò.

View On WordPress

Al poli di Milano insegnava, non so se insegni ancora, un professore di Meccanica Razionale che ti faceva passare lo scritto solo se non ci appoggiava la penna sopra. Ne promuoveva 7-8 su 200 ogni appello, a volte solo 5-6.
La sua teoria, inconfutabile, era che “un giorno sarete ingegneri meccanici, e la vostra firma potrebbe stare sotto a dei calcoli strutturali per un muletto, oppure una gru, o dei freni d’automobile.
Il muletto o si ribalta o non si ribalta, la gru o crolla o non crolla, i freni o fermano l’auto in tempo, o il bambino che attraversa la strada è morto. Non esiste lo “sbagliato di poco” nel vostro lavoro”.
Una delle cose più belle che mi siano mai state insegnate.

Rodolfo Nasini

seems legit.

(via gianlucavisconti)

(Source: prostata, via gianlucavisconti)

Dove si sente il male

Dove si sente il male

Il male lo sento a ondate dallo stomaco alla bocca, che diventa d’improvviso amara.
Lo sento come il suono nelle orecchie delle parole lette, che non posso dimenticare e che seziono alla ricerca di una scappatoia per fuggire da questa ruota che mi porta a pensare senza arrivare a nulla.
Lo vedo come una strada buia senza deviazioni che mi porta sempre nel posto in cui non voglio andare.

La pace…

View On WordPress

July 15th, 2014

Breve inventario dopo una piccola catastrofe

Breve inventario dopo una piccola catastrofe

1) Ho imparato a tenermi al riparo dal dolore. Basta che stia sveglia, per non sentire l’onda alta del male.

2) Ho imparato a non fare la scena, o almeno, a provarci.
Il fatto di voler gridare piangere prendere a schiaffi qualcuno non significa che abbia senso farlo.

3) Penso sempre. Penso e valuto sempre. Cerco di mettere ordine nelle cose, nei pensieri, nelle sensazioni.
Cerco di capire cosa c’è…

View On WordPress

Passi

Passi http://wp.me/s23YtU-passi

Se seguissi una delle regole dei dodici passi credo che questo sarebbe quello in cui chiederei scusa.

Scusa a tutti quelli che ho guardato negli occhi con lo sguardo limpido e a cui ho mentito, sapendo di mentire, per esempio.
Ma per quello ho già pagato molto e sto già pagando ora.
Con gli interessi anche.

Ma soprattutto chiederei scusa a Stefania.

Stefania l’ho vista tre volte in tutto e…

View On WordPress

July 14th, 2014

Allora così, pensavo stanotte, alle quattro, su un divano al buio, che la vita ha a che fare con una serie di treni.
Alcuni li prendi, altri li perdi, i peggiori prendono te.

Dei treni

(In questi giorni chiedevo alla mia vita una vita autentica, e la mia vita mi ha spalancato la porta sull’autenticità.
Per dire che ne facevo a meno, anche, ma che è sempre meglio sapere in quale campionato stai giocando, così eviti di giocare a scacchi mentre invece sei all’olimpiade di tiro con l’arco alla schiena.
E poi già lo diceva Bacone che sapere è potere, quindi posso un sacco, oh.
Poi…

View On WordPress

July 13th, 2014

Quello che non

Così oggi ero lì davanti alla finestra aperta e osservavo la mia vita, e le cose che si muovono, e quelle che succedono e quelle che non succedono, e quelle che purtroppo succedono e non vorresti, e quelle che le fanno succedere gli altri e sarebbe bello che non le facessero succedere, ma gli altri non sono noi, anche se sarebbe bello che lo fossero, ma forse no, perché noi amiamo chi è diverso…

View On WordPress

July 12th, 2014

myborderland:

fare delle scelte dolorose, imparare a rispettarsi e a farsi rispettare, non accettare inutili compromessi, sopportare la sofferenza, non sottostare alle decisioni altrui, dimenticare, sorridere nonostante tutto, andare avanti, andare avanti, andare avanti.

sono così stanca di essere sempre dalla parte dei giusti.